Diventare Infermiera Volontaria, Ecco l’Iter

Emanuel scrive:

Adesso vi spieghero come entrare nelle Infermiere Volontarie,che è la 2 componente militare della CRI

Requisiti per l’ammissione al Corso di Infermiera volontaria

Si accede al Corso per Infermiere Volontarie CRI se si è in possesso dei seguenti requisiti:

Cittadinanza italiana
Maggiore età
Possesso del titolo di studio di Scuola secondaria superiore
Sana e robusta costituzione, con idoneità all’esercizio delle funzioni
Consenso dell’amministrazione di competenza (Stato o Ente pubblico)
Certificato di socia CRI

Documentazione
Per l’iscrizione ai corsi di diploma per infermiera volontaria sono richiesti i seguenti documenti in duplice copia:

* domanda d’iscrizione;
* certificato di nascita dal quale risulti che l’aspirante ha raggiunto il 18° anno di età e non ha superato il 55°;
* certificato di cittadinanza italiana;
* possesso del titolo di studio di scuola media superiore;
* consenso dell’amministrazione da cui l’aspirante dipende, quando faccia parte del personale dello Stato o di altri Enti pubblici;
* certificato di socia della Croce Rossa Italiana;
* certificato medico di sana e robusta costituzione e attitudine psicofisica all’espletamento dei compiti infermieristici;
* ricevuta di versamento alla cassa del Comitato della tassa scolastica;
* Libretto sanitario

Il diploma di Infermiera Volontaria si consegue al termine di due anni di corso teorico e pratico.

Il superamento degli esami del I° anno è propedeutico all’iscrizione al II° anno.

Il programma del primo anno di corso prevede:

* 90 presenze di pratica ospedaliera di 4 ore ciascuna
* 180 ore di lezioni teoriche suddivise in varie discipline

Il programma del secondo anno di corso prevede:

* 120 presenze di pratica ospedaliera di 4 ore ciascuna
* 230 ore di lezioni teoriche suddivise in varie discipline

Le materie di insegnamento per i due anni di corso sono le seguenti:

* Anatomia e fisiologia (I)
* Medicina (I e II)
* Chirurgia (I e II)
* Igiene e batteriologia (I)
* Microbiologia – Patologia clinica
* Assistenza infermieristica (I e II)
* Pediatria (I)
* Farmacologia (I e II)
* Psicologia
* Primo soccorso

Sono previste inoltre nozioni sulle seguenti aree conoscitive:

* Servizio sanitario militare
* Protezione civile
* Diritto umanitario
* Legislazione sanitaria

Reparti specialistici:

* Ostetricia/Ginecologia
* Ortopedia/Traumatologia
* Pediatria
* Pronto soccorso

Le allieve sosterranno un esame al termine di ciascuno dei due anni di corso

N.B le materie possono essere soggette a modifiche o aggiornate

Per iscriversi ai corsi bisogna rivolgersi presso il Comitato Provinciale o Locali CRI,o negli Ispettorati IIVV nella propria città

N.B. Il diploma di Infermiera volontaria abilita attualmente all’esercizio delle mansioni infermieristiche esclusivamente nell’ambito del volontariato effettuato con il Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa

Cliccate Qui per leggere le risposte degli utenti.

Soccorsi con Mezzi e Tecniche Speciali

Piada scrive:

I Soccorsi con Tecniche Speciali della Croce Rossa Italiana, in effetti, esistono da sempre.
image
Quando un membro di una Componente Volontaristica della CRI si trova davanti ad un soccorso di nuova natura sa spesso ricorrere all’arte di arrangiarsi tipica della nostra mentalità italiana.
Ma questo può essere anche pericoloso perchè questa persona volenterosa può trovarsi di fronte a problematiche del soccorso dove non può avere spazio l’esperienza.
Mettiamo in evidenza alcuni scenari possibili, forse qualcuno di questi li avete letti sui giornali: strade interrotte e impraticabilità del terreno, ricerche a largo raggio di persone disperse, persone intrappolate in sacche d’aria nelle cavità del terreno poi inondate da qualche temporale oppure portare il primo soccorso in aree contaminate da qualche sostanza chimica o da scorie radioattive.
imageimage
Certo sarebbe utile avere nella propria unità di soccorso qualche persona esperta di speleo-sub, qualificata per operare in ambienti contaminati oppure piloti ed elisoccorritori per individuare e raggiungere in breve tempo dispersi.
I Soccorsi con Tecniche Speciali e con Aeromobili nascono per questo: per creare un database contenente i dati sul personale specializzato che già abbiamo e per organizzare corsi di qualificazione e informativi per gli altri operatori dell’emergenza. Il fine ultimo è, come sempre, quello di fornire materiali e mezzi ma soprattutto personale qualificato alle unità sprovviste.

Cliccate Qui per leggere le risposte degli utenti.

SMOM,questo sconosciuto

GoldRaven scrive:

Ciao a tutti,mi farebbe piacere visti i post precedenti che qualcuno appartenente allo SMOM descrivesse un pò le loro attività e ci presentasse questo corpo militare un pò più nei dettagli,io intanto pongo qualche domanda.

1)I gradi sono uguali a quelli dell’ EI?

2)Come è formata una divisa operativa?

3)Che requisiti ci vogliono per entrare nello SMOM?

4)Cavalieri e Dame sono inquadrate nell’ordine militare o sono diciamo solo a livello organizzativo e rappresentativo?

GRazie a tutti

CIauuuuuuuuuuuu

:sniper_: :spam: :brow: :poliz: :fia_: :fia_: :fia_: :fia_:

Cliccate Qui per leggere le risposte degli utenti.

Componenti Unica Volontari CRI, Qualcosa su cui pensare…

Coachfi scrive:

Visto che in questo forum “bazzicano” molti volontari CRI ho pensato di portare alla vostra attenzione un’iniziativa che, secondo me, è estremamente interessante.
Il Presidente Nazionale ha detto che i tempi non sono ancora maturi per una componente unica volontaria, ovvero una componente che unisca VdS, Pionieri, Comitato Femminile e Donatori Sangue. Invece, sondando gli umori della base, i tempi potrebbero essere PIU’ che maturi per questo importantissimo passo.
Se anche voi la pensate così dite la vostra qui:
http://www.componenteunica.com/

Grazie

Cliccate Qui per leggere le risposte degli utenti.

Volontari protezione civile

SiciliaPCV scrive:

Salve a tutti, sono nuovo del forum, navigando ne sono venuto a conoscenza mi è piaciuto e mi sono iscritto.Avrei 2 domande da porvi, la prima: appartengo ad una associazione di volontariato che si occupa di protezione civile nella regione sicilia, desidererei sapere se è possibile utilizzare il lampeggiante di colore arancione ovviamente in casi di emergenza tra l’altro ho anche acquistato una paletta presso un negozio in cui c’è scritto chiaramente protezione civile volontario quindi si presume per logicità che la si potrebbe utilizzare la dove sia utile. seconda domanda: ho letto che bisogna apportare nella carta di circolazione una annotazione da parte della motorizzazione che l’auto può essere omologata al lampeggiante, sapreste darmi delle infromazioni in merito? in attesa di una vs risposta. GRAZIE A TUTTI

Cliccate Qui per leggere le risposte degli utenti.